ago

Con la netta vittoria di sabato scorso contro l’Arzignano Valchiampo, si è chiusa l’ottima stagione dei nostri ragazzi e non potevamo fare a meno di scambiare due chiacchiere con il mister Alessandro Agostini.

Mister, è stata senza dubbio una grande stagione, ce la racconti??

E’ stata una stagione memorabile sia per i ragazzi, che per tutto lo staff. Direi storica per la Società, visto che la squadra si è classificata settima, a ridosso della zona play-off. Risultato che la nostra Juniores Nazionale non aveva mai conseguito nelle due precedenti stagioni sportive disputate in ambito nazionale. Una continua crescita da parte di tutti e tante sensazioni positive che crescevano di settimana in settimana. Un mix di lavoro, qualità, abnegazione da parte dei ragazzi ed entusiasmo, che ha permesso di creare un vero “gioiellino” sportivo. Un GRUPPO di ragazzi per bene, sempre molto motivati e pronti ad assimilare aspetti tecnici e tattici in ogni singola seduta di allenamento. Niente è stato lasciato al caso a partire dal curare alcuni aspetti, tramite video-analisi, che ci hanno fatto crescere in maniera esponenziale sulla base degli obiettivi che ci stavamo prefiggendo nei brevi periodi della stagione.

Di sicuro un percorso che ci ha dato grandi soddisfazioni, sia visto i risultati di prestigio conseguiti sui vari campi, ma grazie alle numerosissime prestazioni, più che buone, da parte della squadra. Siamo partiti un po’ in sordina, solo 7 punti nelle prime 9 partite, ma di fatto condite spesso da buone prestazioni. Nelle restanti 21 partite abbiamo ottenuto quasi 2 punti di media a partita (1,76) dove, da fine novembre ad inizio marzo, la squadra ha perso solo un incontro, confermando la bontà delle sensazioni avute nelle precedenti sfide e comunque da quanto potuto osservare fin dai primi allenamenti di agosto. Abbiamo chiuso il campionato con una vittoria interna contro l’Arzignano Valchiampo per 5-0, disputando l’ennesima prova di qualità, coronando così la nostra stagione al meglio e per l’ennesima volta confermando la bontà del nostro gruppo e del buon lavoro condiviso settimanalmente con i ragazzi di tutta la rosa.

Te lo saresti mai aspettato ad inizio campionato?imgl8095

Onestamente no. Le difficoltà di questa categoria sono sempre dietro l’angolo ed il livello del campionato Juniores Nazionale, non ti consente di avere troppo gap tra te e gli avversari. I numeri iniziali dei giocatori della rosa e le possibili richieste numeriche capillari di giocatori, da parte della prima squadra, oltre che le possibili condizioni meteorologiche invernali, pensavo avessero potuto minare tante cose, a partire dalla crescita tattica collettiva della squadra e l’efficacia degli allenamenti. Nel corso dell’anno, anche grazie all’apporto della Società, le cose sono andate spesso per il meglio e il lavoro fatto ha pagato. Lavoro: un credo che spesso fa avverare quello che non ti aspetteresti mai, proprio quello che è successo a me e ai “miei” ragazzi.

   Qual è stata la vittoria più bella?

Quest’anno ce ne sono state tante e prestigiosissime. Vittorie che hanno il sapore quasi d’impresa, visto i settori giovanili con i quali ci siamo confrontati. Abbiamo vinto a Feltre, contro l’Union Feltre (1-4), che vanta un settore giovanile in forte crescita, vinto a Motta di Livenza, contro la Liventina (0-2), che ha vinto titoli nazionali a livello di settore giovanile, vinto a Tamai (1-2) che da tantissimi anni milita nel campionato nazionale di serie D, vinto a Marano Lagunare contro il Cjarlins Muzane (0-2) che si è classificata quarta e che esprime uno dei più alti livelli agonistici in ambito di settore giovanile nel Friuli Venezia Giulia, abbiamo vinto il derby contro il Dro in casa (quello di andata) per 1-0.

Tante vittorie, forse la migliore proprio quella a Motta di Livenza con una squadra di altissimo livello, disputando una partita praticamente perfetta, ma quella che ricorderò come la più bella è sicuramente quella ottenuta, in rimonta, a Montebelluna, sul loro campo principale: 1-2 il risultato. Bellissima. 2 anni fa ci eravamo stati con i 1997-98 perdendo 4-1 con una squadra che sembrava scesa da Marte, inarrivabili quella volta.

 agoHai qualche rammarico?

Difficile avere rammarichi in questa stagione. Troppe le soddisfazioni e i momenti felici per averne qualcuno. Se proprio dovessi trovare il “pelo nell’uomo” dico che avrei voluto capire cosa sarebbe accaduto se avessimo potuto disputare i play-off scudetto. Sono convinto che con questa stagione e con il trend della seconda parte ci saremmo potuti togliere qualche piccola soddisfazione.

 

La classifica rispecchia i valori delle squadre?

La classifica spesso rispecchia l’andamento della stagione e la qualità delle squadre. Credo che tutto sommato si possa accettare il verdetto del campo, anche se onestamente tutti i punti che abbiamo fatto ce li siamo sudati tutti fino all’ultimo secondo e probabilmente con un po’ di fortuna in più, potevamo raccogliere almeno altri 6-7 punti, che ci avrebbero posto sullo stesso livello di Union Feltre e Cjarlins Muzane, che sabato disputerà i play-off contro la Liventina.

 

Che voto dai alla tua squadra per questa stagione?

Do un bel 9. Credo che il 10, che rappresenta la perfezione, ce lo saremmo meritati se fossimo arrivati ai play-off: traguardo impensabile e nemmeno ipotizzabile ad inizio stagione.

juniores-ufficiale

JUNIORES NAZIONALI – MISTER AGOSTINI COMMENTA L’OTTIMA STAGIONE ultima modifica: 2018-04-25T21:42:42+00:00 da US Levico Terme

 

 

 

  

5xmille