Riportiamo l’intervista al nostro Presidente Sandro Beretta pubblicata oggi sul quotidiano L’Adige.

Solitamente presidente marzo a aprile sono i mesi dove le attività calcistiche sono a pieno regime. Che sensazioni si prova a non vedere nessuno sui campi di giochi di viale Lido?

“Indubbiamente è una strana sensazione. Non si vedono partite, allenamenti e non si parla di calcio ma, nello stesso tempo, si riflette molto. Sono sensazioni nate anche da riflessioni fatte in periodi difficili come questi. E’ evidente che ci siamo inclinati in un grosso problema che porterà enormi ripercussioni anche nel mondo del calcio e in tutti gli sport”.

Di che ripercussioni parla presidente? Economiche o di nuovi calendari della stagione sportiva in corsa?

“Il discorso calendari, partite da recuperare e via dicendo in questo momento è l’ultimo dei miei pensieri. Nei giorni scorsi ho chiamato la Federazione a Roma per capire cosa hanno in mente di fare. In queste settimane sto leggendo di tutto e di più, con la possibilità addirittura di giocare a giugno e luglio. Credo che in questo momento la priorità che deve avere la Federazione è la salvaguardia delle società sportive. Agire subito! Non bisogna avere tanti tentennamenti, servono decisioni veloci. Il tempismo è fondamentale nelle situazioni di emergenza e necessita di fermezza. Purtroppo quello che leggo quotidianamente sul calcio professionistico per l’emergenza coronavirus, fa sentire sempre più lontano il nostro calcio dei dilettanti”.

Qual’é la sua idea a riguardo?

“Ora la priorità è la salute pubblica e per me il campionato è finito! Credo che oggi sia inverosimile pensare di riprendere a giocare dopo una sosta così lunga. Stiamo vivendo una situazione drammatica senza precedenti e nessuno è in grado di determinare o ipotizzare una fine. Rendiamoci conto che a settembre, se avremo la fortuna di riiniziare a giocare, probabilmente molte società non ci saranno più al via del campionato, soprattutto in serie D. E’ evidente che le società sportive sono rette dalle sponsorizzazioni delle aziende e quindi, le stesse aziende in questo momento, giustamente, hanno in mente tutt’altro che il calcio. Come possiamo pensare che tra uno o due mesi, la nostra squadra, ad esempio, dovrà andare a giocare in Lombardia? E’ evidente che ci saranno ancora casi di coronavirus e non solo in quella regione. Sia chiaro: è un discorso non solo riguardante la serie D, ma tutte le categorie. Prendiamone atto. Sono poi sicuro che quando non si sentirà più parlare di contagio, la paura nell’imminente ci sarà sempre e qualche importante manifestazione sarà annullata o posticipata”.

Quindi il Torneo del Pulcino d’Oro 2020 è a forte rischio?

“Al momento non è a rischio, ma stiamo valutando fortemente di posticiparlo a fine agosto o inizio settembre. Quando in febbraio eravamo andati in Inghilterra per il primo torneo stagionale del Pulcino d’Oro, proprio nel week end dove si iniziò in Italia a parlare seriamente del coronovirus, avevamo già iniziato a studiare alcune soluzioni alternative. E questa potrebbe essere una”.

 

 

 

 

INTERVISTA AL NOSTRO PRESIDENTE SANDRO BERETTA [Giornale Adige 1 aprile 2020) ultima modifica: 2020-04-01T23:49:01+02:00 da US Levico Terme